La fondazione

Cosa possiamo fare per mettere a disposizione la nostra cultura aziendale, le competenze delle persone e la voglia di contribuire attivamente, lavorando insieme a chi, ogni giorno, s’impegna sul campo?

Da questa domanda nasce la Fondazione d’impresa EOS – Edison Orizzonte Sociale, una nuova alba - dalla divinità greca condannata ad amare in eterno gli esseri umani- in un momento di rinascita e ripartenza.

Il nostro obiettivo è il miglioramento della qualità della vita della parte più fragile delle comunità attraverso soluzioni condivise, in grado di attivare reti territoriali virtuose, per rispondere in modo nuovo ai bisogni sociali e individuare nuove risorse. Questo è il nostro modo di interpretare l’innovazione sociale, come sperimentazione inclusiva e partecipata per generare opportunità di sviluppo individuale e collettivo.

Con il prezioso aiuto della comunità di Edison e sostenendo le potenzialità degli operatori del terzo settore, desideriamo valorizzare lo spirito imprenditoriale delle persone a cui ci rivolgiamo con i nostri progetti, favorendo la voglia di mettersi in gioco con creatività, rispetto e attenzione per il benessere comune.

La Fondazione EOS – Edison Orizzonte Sociale è un Ente del Terzo settore riconosciuto a livello nazionale e sarà iscritta al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.

L’Agenda 2030

Ci ispiriamo e vogliamo contribuire agli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, concentrandoci su quelli dedicati all’educazione di qualità (SDG4), all’inclusione sociale, alla riduzione delle disuguaglianze (SDG10) e alla promozione delle comunità sostenibili (SDG11), che considera il patrimonio culturale e naturale un elemento imprescindibile di identità e sviluppo.


Comitato scientifico

Antonella Agnoli

Antonella Agnoli

Ha progettato numerose biblioteche in Italia, tra cui quelle di Pesaro, Cinisello Balsamo, San Lazzaro di Savena, Monopoli, battendosi per un'idea di biblioteca aperta, inclusiva, multiculturale. È stata membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali, Assessore alla cultura, creatività, valorizzazione del patrimonio culturale del Comune di Lecce e membro del Consiglio d'amministrazione dell'istituzione biblioteche di Bologna. Attualmente collabora con la Fondazione Innovazione Urbana di Bologna e varie Amministrazioni comunali per la rigenerazione o progettazione di biblioteche come infrastrutture sociali e culturali per la comunità.

Claudio Calvaresi

Claudio Calvaresi

Claudio Calvaresi, dottore di ricerca in Urbanistica, è Principal di Avanzi-Sostenibilità per azioni. Svolge attività di ricerca, valutazione e formazione su temi di politiche urbane. È progettista di policy nel campo della rigenerazione urbana, dello sviluppo sostenibile. Ha scritto saggi e articoli su questi temi. Attualmente lavora su progetti di inclusione sociale nelle periferie a Milano, Napoli e Torino e segue percorsi di education e advocacy nelle città e nelle aree interne. Ha insegnato Politiche urbane al Politecnico di Milano (2004-18). È stato consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla condizione delle periferie (XVII legislatura, 2017) ed esperto per il Ministero dell’Ambiente nell’attuazione della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile (2018-19).

Paola Dubini

Paola Dubini

Paola Dubini è professoressa di management all'Università Bocconi di Milano, ricercatrice del centro ASK della medesima università, visiting professor all'IMT di Lucca. Da circa 20 anni, i suoi interessi di ricerca e professionali sono rivolti alle condizioni di sostenibilità delle organizzazioni culturali, private, pubbliche e no profit e alle politiche territoriali per la cultura in una prospettiva di sviluppo sostenibile. Partecipa a diverse manifestazioni e incontri nazionali e internazionali su questi temi ed è autrice di numerose pubblicazioni. Fra le più recenti Dubini et al Institutionalising fragility Fondazione Feltrinelli 2016; Dubini et al "Management delle organizzazioni culturali" Egea 2017; Dubini Con la cultura non si mangia. Falso! Laterza 2018.

Martina Ferracane

Martina Ferracane

Martina è appassionata di policy-making e innovazione tecnologica. È una ricercatrice associata presso l'European University Institute e svolge regolarmente il ruolo di consulente per diverse istituzioni tra cui le Nazioni Unite, il World Economic Forum e la World Bank. Ha conseguito il dottorato presso l'università di Amburgo sul tema della regolamentazione dei flussi di dati transfrontalieri, ed è stata affiliata con la Columbia University e il California International Law Center. Oltre alle questioni normative legate al commercio digitale, tra cui i flussi di dati, la sicurezza informatica e la privacy, la sua ricerca copre tematiche relative alla trasformazione digitale e all'educazione digitale. Martina ha fondato il FabLab Western Sicily, un'organizzazione no-profit che promuove l'educazione digitale creativa nelle scuole siciliane e ha formato oltre 2000 studenti. Inoltre, Martina è stata inserita nella lista Forbes 30 Under 30 per il suo lavoro con Oral3D, una start-up che ha co-fondato nel settore della stampa 3D e odontoiatria. Per il suo lavoro in questi ambiti è stata inserita nel 2018 tra le 15 donne italiane più influenti sulle tematiche digitali.

Claudia Ferrazzi

Claudia Ferrazzi

Laureata in Relazioni Pubbliche/Scienze Politiche presso l’Università IULM di Milano nonché in Politiche Europee presso la Libera Università di Bruxelles, si specializza in affari europei e in legislazione antimonopolistica mentre lavora, nel 2001, presso Telecom Italia. Si specializza in Francia in amministrazione pubblica e management all’Ecole Nationale d’Administration (ENA) (promozione René Cassin, cycle international long, 2001-2003) prima di integrare, in qualità di consulente, Cap Gemini prima, il Boston Consulting Group poi (2004-2006), nelle loro rispettive sedi francesi.
Chiamata a servire in seno all’amministrazione francese, Claudia lavora per il Ministero dell’Economia e delle Finanze nei dipartimenti responsabili della riforma amministrativa e di bilancio (2006-2007), poi presso l’Ispettorato Generale delle Finanze (2007-2011), prima di essere nominata, nel 2011, vicedirettore generale del Museo del Louvre, dove diventa responsabile dell’attuazione della politica scientifica e culturale del museo per tre anni.
Nel 2013 integra l’Academia di Francia a Roma nel ruolo di segretaria generale della Villa Medici. Il Comune di Milano la incarica, nel 2017, di dirigere e accompagnare la politica di promozione della città in qualità di direttrice del marketing metropolitano dell’amministrazione Sala. A seguito delle elezioni politiche francesi, torna in Francia nel maggio 2017 per esercitare le funzioni di consigliere culturale e audiovisivo del Presidente della Repubblica (2017-2019).
Fonda il progetto “Viarte – L’art pour diriger autrement” nella primavera del 2020 con l’obiettivo di arricchire il mondo dell’impresa con i contributi di arte e cultura. Nello stesso anno è nominata membro del consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia e fatta Officier des Arts et Lettres della Repubblica francese.

Paola Garrone

Paola Garrone

Paola Garrone è Professore di Business and Industrial Economics al Politecnico di Milano. Svolge attività di ricerca sui temi di economia e regolazione delle utilities e di innovazione sostenibile nei settori del cibo, dell’acqua e dell’energia. In tali ambiti ha pubblicato numerosi articoli scientifici (https://orcid.org/0000-0002-0953-5007) e libri di ricerca. Oggi al Politecnico di Milano è co-direttrice del Food Sustainability Lab e delegata della School of Management per la Sostenibilità. Inoltre è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione per la Sussidiarietà.

Christian Greco

Christian Greco

Nato nel 1975 ad Arzignano (VI), Christian Greco è Direttore del Museo Egizio dal 2014. Ha guidato e diretto il progetto di ri-funzionalizzazione, il rinnovo dell’allestimento e del percorso espositivo, concluso il 31 Marzo 2015, che ha portato alla trasformazione dell’Egizio, da museo antiquario a museo archeologico. Formatosi principalmente in Olanda, è un egittologo con una grande esperienza in ambito museale: ha curato moltissimi progetti espositivi in Olanda, Giappone, Spagna e Scozia. La sua forte passione per l’insegnamento lo vede coinvolto nel programma di corsi di cultura materiale dell’antico Egitto e di museologia in diverse università in Italia e all’estero.
Il lavoro in campo archeologico è particolarmente importante: è stato membro dell’Epigraphic Survey of the Oriental Institute of the University of Chicago a Luxor e, dal 2015, è co-direttore della missione archeologica italo-olandese a Saqqara.

Marta Inversini

Marta Inversini

Marta Inversini (1985) si laurea alla Facoltà di lettere dell’Università degli studi di Milano e successivamente collabora con il Centro di ricerca ASK dell’Università Bocconi per progetti legati alle imprese editoriali e ai media. Presso la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori ricopre funzioni di pianificazione, coordinamento e fund raising. Dal 2019 ne assume la direzione.

Jeffrey Schnapp

Jeffrey Schnapp

Jeffrey Schnapp è co-direttore di facoltà del Berkman Klein Center for Internet and Society e il fondatore/direttore di facoltà di Metalab (at) Harvard, uno studio di progettazione della conoscenza e fonderia di idee dedicato ad esplorare ed espandere le frontiere della cultura in rete. Ha la cattedra Carl A. Pescosolido in Lingue e letterature romanze e comparative presso la Facoltà di Lettere e Scienze di Harvard ed è docente presso il Dipartimento di Architettura della Graduate School of Design di Harvard. Schnapp è anche co-fondatore e Chief Visionary Officer di Piaggio Fast Forward, una società di robotica con sede a Boston dedicata allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilità leggera e le sfide di trasporto del mondo contemporaneo. Piaggio Fast Forward è una filiale del Gruppo Piaggio con sede a Milano, conosciuta in tutto il mondo per veicoli iconici come la Vespa e marchi iconici come Aprilia e Moto Guzzi.

Flaviano Zandonai

Sociologo, si occupa da oltre vent’anni di terzo settore e impresa sociale, svolgendo attività di ricerca applicata, formazione, consulenza e divulgazione editoriale all’interno di reti ed ecosistemi di innovazione sociale. Oggi è open innovation manager presso il Gruppo cooperativo Cgm.